DIFESAMBIENTE portale di informazione e tutela dell'ambiente e della natura
difesambiente
Benvenuto, ospite. Per favore accedi o registrati per attivare tutte le funzioni: Accedi o Registrati.

Notifica

Icon
Error

Opzioni
Vai all'ultimo messaggio Vai al primo messaggio non letto
DIFESAMBIENTE  
#1 Inviato : venerdì 14 novembre 2014 13:48:18(UTC)
DIFESAMBIENTE


Rank: Grande capo Difesambiente

Gruppi: Approved, Moderatori
Iscritto: 31/10/2014(UTC)
Messaggi: 1
Donna
Italy

Tratto dall'articolo di Filippo Di Donato (presidente CCTam del CAI):
Citazione:
Un filo rosso-bruno lega il Trentino all'Abruzzo. Ai capi di questo filo la vicenda di orsi morti. Di fronte alla morte, qualunque morte, non c'è risposta.
In ambedue i casi, diverse circostanze, stesso epilogo, causato dall'uomo.
[...] In Abruzzo in un anno sono ben quattro gli esemplari di Orso bruno marsicano morti in circostanze poco chiare.
L'Orso è un potente simbolo della natura, re dei boschi, ma neppure questo riesce a salvarlo. La presenza di grandi predatori rivesste assoluto valore ecologico nella composizione della catena alimentare.
La sfida di oggi è quella di assicurare sicurezza alle persone coinvolte e agli animali protetti.
La convivenza è uno scenario possibile con l'impegno corale tra popolazione e istituzioni per prevenire e fronteggiare certi episodi


Il verificarsi di episodi come quello in Trentino con la soppressione di Daniza, (perché un errore di dosaggio di narcotico è quello che hanno voluto far credere) e dei quattro esemplari di Orso marsicano morti in Abruzzo deve far riflettere.
Non sono loro, gli Orsi, a mettere in pericolo le popolazioni, ma è l'uomo che ha invaso, distruggendo, il suo habitat e portando questo meraviglioso mammifero quasi all'estinzione.
Ora è l'uomo che ha il dovere di garantire la sua tutela: singoli episodi come quelli citati non possono vanificare decenni di attività in studi scientifici e progetti di reintroduzione.
Alla base di tutto sono necessari la tutela dell'ambiente e del territorio e una coscienza culturale fatta di educazione ambientale e rispetto da parte di tutti: dai singoli abitanti alle istituzioni che troppo spesso sono assenti.
Occorre però garantire l'equilibrio tra uomo e ambiente, per assicurare la conservazione del paesaggio, della montagna e quindi dell'habitat dei nostri Orsi, e ciò può avvenire solo con il presidio delle Terre Alte (territori montani) e non con l'abbandono; con la pratica di attività agro-pastorali e tecniche bio-compatibili che conservino il territorio: da qui anche la produzione di prodotti di eccellenza che devono dare risorse ed economia e far conoscere il territorio stesso e crescere le popolazioni locali, tramandare le tradizioni di un segreto equilibrio tra l'uomo e l'ambiente.

EDUCAZIONE
INFORMAZIONE
RISPETTO
TUTELA

Sono le parole d'ordine per un futuro sostenibile

Modificato dall'utente venerdì 14 novembre 2014 13:51:09(UTC)  | Motivo: Non specificato

andrea  
#2 Inviato : venerdì 14 novembre 2014 15:33:20(UTC)
andrea


Rank: Esperto difesambientino

Gruppi: Approved
Iscritto: 25/10/2014(UTC)
Messaggi: 1
Uomo
Italy

E' stato ringraziato: 1 volte in 1 messaggi
bisogna fermare questa escalation! è una vergogna !

Modificato dall'utente venerdì 14 novembre 2014 15:42:56(UTC)  | Motivo: Non specificato

Utenti che leggono la discussione
Guest (2)
Vai al forum  
Tu NON puoi creare discussioni in questo forum.
Tu NON puoi rispondere alle discussioni in questo forum.
Tu NON puoi cancellare messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi in questo forum.