difesambiente: portale di informazione ambientale geosfera
:: LAGHI E FIUMI
:: AREE PROTETTE
:: BIOSFERA
:: GEOSFERA
:: CLIMA
:: ENERGIA
:: UOMO E AMBIENTE

 sviluppo sostenibile
 inquinamento e rifiuti
 raccolta differenziata
- recupero della plastica
- recupero del ferro
- apparecchi tecnologici
 ambiente urbano
  normativa ambientale
  aree protette
 eco-turismo
 educazione ambientale
  conferenze mondiali
  certificazioni ambientali
- ISO 14001:2004
- EMAS
- ECOLABEL
  VIA-VAS-IPPC-LCA
- VIA: Valutazione di
Impatto Ambientale

- VAS: Valutazione
Ambientale Strategica

- IPPC: Integrated Pollution
Prevention and Control

- LCA: Analisi ciclo di vita

Inquinamento e Rifiuti

Cos'è un rifiuto

L’articolo 1 lettera a) della direttiva 75/442/CEE definisce il termine “rifiuti” nel modo seguente:

qualsiasi sostanza od oggetto che rientri nelle categorie riportate nell’allegato I e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l’obbligo di disfarsi”.

Il secondo capoverso dell’articolo 1 lettera a) stabilisce che la Commissione, conformemente alla procedura di cui all’articolo 18, prepari un elenco dei rifiuti che rientrano nelle categorie di cui all’allegato I. Tale elenco è noto più comunemente come Catalogo europeo dei rifiuti (CER) e si applica a tutti i rifiuti, siano essi destinati allo smaltimento o al recupero.

Catalogo Europeo dei Rifiuti

Il catalogo europeo dei rifiuti è un elenco armonizzato, non esaustivo, di rifiuti e sarà pertanto oggetto di periodica revisione e, se necessario, di modifiche, conformemente alla procedura del comitato.
Tuttavia, un materiale figurante nel catalogo non è in tutte le circostanze un rifiuto, ma solo quando esso soddisfa la definizione di rifiuto.
I rifiuti figuranti nel CER sono soggetti alle disposizioni della direttiva a meno che si applichi ad essi l’articolo 2 paragrafo 1 lettera b) di detta direttiva.
Il catalogo vuole essere una nomenclatura di riferimento con una terminologia comune per tutta la Comunità allo scopo di migliorare tutte le attività connesse alla gestione dei rifiuti. A questo riguardo, il catalogo europeo dei rifiuti dovrebbe diventare il riferimento di base del programma comunitario di statistiche sui rifiuti lanciato con la risoluzione del Consiglio, del 7 maggio 1990, sulla politica relativa alla gestione dei rifiuti.
Il CER viene adeguato in modo da tener conto dei progressi scientifici e tecnici, in conformità della procedura di cui all’articolo 18 della direttiva.
Ciascun codice dei rifiuti figurante nel catalogo deve sempre essere inserito nel contesto a cui si riferisce.
Il catalogo non pregiudica l’applicazione dell’elenco di “rifiuti pericolosi” disposto dall’articolo 1, paragrafo 4 della direttiva 91/689/CEE del Consiglio, del 12 dicembre 1991, sui rifiuti pericolosi.

Classificazione CER dei rifiuti (Capitoli generali)

01 00 00 Rifiuti derivanti dalla prospezione, l'estrazione, il trattamento e l'ulteriore lavorazione di minerali e materiali di cava
02 00 00 Rifiuti provenienti da produzione, trattamento e preparazione di alimenti in agricoltura, orticoltura, caccia, pesca ed acquacoltura
03 00 00 Rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di carta, polpa, cartone, pannelli e mobili
04 00 00 Rifiuti della produzione conciaria e tessile
05 00 00 Rifiuti della raffinazione del petrolio, purificazione del gas naturale e trattamento pirolitico del carbone
06 00 00 Rifiuti da processi chimici inorganici
07 00 00 Rifiuti da processi chimici organici
08 00 00 Rifiuti da produzione, formulazione, fornitura ed uso (PFFU) di rivestimenti (pitture, vernici e smalti vetrati), sigillanti, e inchiostri per stampa
09 00 00 Rifiuti dell'industria fotografica
10 00 00 Rifiuti inorganici provenienti da processi termici
11 00 00 Rifiuti inorganici contenenti metalli provenienti dal trattamento e ricopertura di metalli; idrometallurgia non ferrosa
12 00 00 Rifiuti di lavorazione e di trattamento superficiale di metalli, e plastica
13 00 00 Oli esausti (tranne gli oli commestibili 05 00 00 e 12 00 00)
14 00 00 Rifiuti di sostanze organiche utilizzate come solventi (tranne 07 00 00 e 08 00 00)
15 00 00 Imballaggi, assorbenti; stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi (non specificati altrimenti)
16 00 00 Rifiuti non specificati altrimenti nel Catalogo
17 00 00 Rifiuti di costruzioni e demolizioni (compresa la costruzione di strade)
18 00 00 Rifiuti di ricerca medica e veterinaria (tranne i rifiuti di cucina e di ristorazione che non derivino direttamente da luoghi di cura)
19 00 00 Rifiuti da impianti di trattamento rifiuti, impianti di trattamento acque reflue fuori sito e industrie dell'acqua
20 00 00 Rifiuti solidi urbani ed assimilabili da commercio, industria ed istituzioni inclusi i rifiuti della raccolta differenziata

 

area riservata
archivio news
archivio aggiornamenti
proponi un articolo
sostieni Difesambiente
iscriviti al Forum

IN EVIDENZA
Vai al FORUM


laghi e fiumi
aree protette
green IT
natura e poesia
HOME | DIFESAMBIENTE | MAPPA DEL SITO | ARCHIVIO | CONTATTACI |DISCLAIMER | CREDITS

© 2008 - DIFESAMBIENTE   -   progettazione: SOFTKEY