difesambiente: portale di informazione ambientale geosfera
:: LAGHI E FIUMI
:: AREE PROTETTE
:: BIOSFERA
:: GEOSFERA
:: CLIMA
:: ENERGIA
:: UOMO E AMBIENTE

 sviluppo sostenibile
 inquinamento e rifiuti
 raccolta differenziata
- recupero della plastica
- recupero del ferro
- apparecchi tecnologici
 ambiente urbano
  normativa ambientale
  aree protette
 eco-turismo
 educazione ambientale
  conferenze mondiali
  certificazioni ambientali
- ISO 14001:2004
- EMAS
- ECOLABEL
  VIA-VAS-IPPC-LCA
- VIA: Valutazione di
Impatto Ambientale

- VAS: Valutazione
Ambientale Strategica

- IPPC: Integrated Pollution
Prevention and Control

- LCA: Analisi ciclo di vita

Il recupero della plastica

polietileneCome nasce la plastica

La plastica è una sostanza organica che si ottiene dalla lavorazione di materie prime di varia origine presenti in natura. La maggior parte delle plastiche è ricavata prevalentemente dagli idrocarburi, come il carbone, ma soprattutto dal petrolio. Attraverso un processo chiamato "cracking" si ottiene la rottura delle lunghe catene delle molecole di idrocarburi, per poter creare gli elementi di base della plastica che sono i monomeri. Nel processo successivo di polimerizzazione i monomeri vengono riaccorpati per formare di nuovo delle lunghe catene che hanno ognuna differenti caratteristiche di base a seconda dei monomeri utilizzati. La policondensazione è un altro processo usato per creare la plastica, dove si ottengono i polimeri sottraendo le molecole di "scarto" che si formano durante la reazione dei monomeri.

I pro e contro della plastica

contenitori di plasticaSono tanti i vantaggi e le virtù dei materiali plastici. Possiamo fargli assumere qualsiasi forma a differenza di altri materiali che richiederebbero lavorazioni più complicate, costose o addirittura impossibili; può presentarsi con un'elevata rigidezza o grande flessibilità; è impermeabile, resistente agli agenti atmosferici, muffe e funghi, alla corrosione; può essere "filata" ottenendo capi d'abbigliamento; è economica da produrre; può essere colorata durante la lavorazione; ha un elevato isolamento acustico, termico, elettrico e dalle vibrazioni. Insomma, basta guardarci intorno per pochi istanti ed accorgerci che la plastica è quasi ovunque: nei mobili della nostra casa, negli utensili della cucina, o ancora nei nostri vestiti come bottoni, etichette, decorazioni. La plastica è anche fondamentale in altri campi come ad esempio la medicina: cerotti, contenitori sterili, imballaggi di medicinali, protesi, attrezzature sanitarie, tutti composti da vari tipi di plastiche. Se passiamo poi alla tecnologia, i materiali plastici sono quasi protagonisti: nell'informatica gli involucri di monitor, stampanti, tastiere, mouse e tante altre parti sono costituiti da vari materiali sintetici perchè, essendo prodotti in grandi quantità, c'è il bisogno di avere costi accettabili, resistenza, buona leggerezza, robustezza e facilità di produzione e assemblaggio.

Naturalmente l'utilizzo diffuso e massiccio delle materie plastiche non ha portato solamente benefici per gli esseri umani. La plastica è il maggiore fattore di inquinamento del nostro pianeta. Innanzitutto a causa della sua origine, che risiede principalmente nel petrolio, comporta un primo livello di inquinamento dovuto alla sua estrazione, trasporto e stoccaggio degli idrocarburi; segue il processo di lavorazione del petrolio e della trasformazione in plastica che comporta la produzione di emissioni nocive per la salute e per l 'ambiente; a questi si aggiungono i residui della produzione, di stoccaggio e smaltimento. Ma tutto questo continua anche quando ha esaurito il suo ciclo al servizio dell'uomo perchè la maggior parte delle plastiche non è biodegradabile, quindi se viene abbandonata nell'ambiente vi rimane per parecchi anni.

scivolo in plastica riciclataUna "seconda vita" per la plastica

La ricerca tecnologica ha cominciato a interessarsi degli effetti negativi della plastica e sta studiando le contromisure giuste per ridurli o annullarli del tutto. Il riciclo consente di recuperare milioni di tonnellate di plastica in tutto il mondo e di darle una "seconda vita"; in base al tipo di polimero riciclato è possibile ottenere generici prodotti plastici di vario tipo (bottiglie, taniche, cassette di plastica riciclata), oppure cederli ad altre attività di trasformazione per farli diventare prodotti nuovi: ad esempio da una bottiglia di PET si può ricavare il materiale per fabbricare un maglione in pile, mentre la plastica di un flacone di detersivo può diventare un ottimo isolante per l'edilizia. Inoltre, per risolvere il problema alla radice, si sono moltiplicati gli sforzi per ottenere la plastica da materiali naturali e renderla completamente biodegradabile.

area riservata
archivio news
archivio aggiornamenti
proponi un articolo
sostieni Difesambiente
iscriviti al Forum

IN EVIDENZA
Vai al FORUM


laghi e fiumi
aree protette
green IT
natura e poesia
HOME | DIFESAMBIENTE | MAPPA DEL SITO | ARCHIVIO | CONTATTACI |DISCLAIMER | CREDITS

© 2008 - DIFESAMBIENTE   -   progettazione: SOFTKEY